'
CONSEGNA E RESA GRATIS - ACQUISTI TAX FREE
ΕΣΠΑ

Journal

Com'è fatto un abito: tutto quello che c'è da sapere dalla A alla Z

05/04/2021
Com'è fatto un abito: tutto quello che c'è da sapere dalla A alla Z

Com'è fatto un abito: tutto quello che c'è da sapere dalla A alla Z

 

Cos'è un abito?

Storicamente l'abito da uomo ha le sue origini nella Gran Bretagna del XIX secolo. Tuttavia, questo capo di abbigliamento maschile è cambiato molto dalla sua concezione iniziale fino ai giorni nostri.

In origine era un tipo di abbigliamento destinato a pochi, soprattutto ai nobili dell'epoca. Consisteva in una giacca lunga, un gilet di un altro tessuto e un pantalone di un terzo tessuto, vicino a quello che chiamiamo un frac formale. Nel processo, gli abiti divennero più ampiamente usati come due o tre pezzi (giacca, pantaloni, gilet) che erano tutti fatti dello stesso tessuto. Il loro uso a quel tempo era inteso per occasioni informali o sportive (equitazione, caccia nella campagna inglese) ma nel tempo a causa dei cambiamenti sociali divenne il simbolo dell'abbigliamento formale. Nel secolo scorso, in seguito alla ristrutturazione delle classi sociali ed economiche, diventa accessibile a un numero sempre maggiore di uomini, trasformandolo in una scelta oblique per gli incontri di lavoro, nell'intrattenimento di fine settimana oltre che negli occasioni semi-formali e formali.

L'abito oggi non è indossato come in passato. Tuttavia rimane un must per la maggior parte degli uomini che curano la propria immagine e una scelta obbligata per eventi straordinari. L'abito oggi non è un capo che devi indossare ma uno che ami indossare. Ciò significa che ci sono meno di quegli uomini che indossano i vestiti ogni giorno, ma in qualche modo la maggior parte di loro proverà questo classico ad un certo punto della propria vita.

Quando parliamo oggi del completo, ci riferiamo al mix combinato di una giacca, un pantalone e magari un gilet che sono fatti dello stesso tessuto e colore.


Tipi di manodopera

Esistono tre diversi metodi di creare un abito. È un fatto comune, tuttavia, che un abito da uomo richieda manodopera qualificata e un know-how approfondito. Inoltre, il vestito uomo deve avvolgersi al corpo formando un senso di equilibrio tra le sue parti mentre eventuali misurazioni devono essere prese al millimetro.

Tenendo conto di quanto sopra, non è eccessivo considerare la sartoria come un'arte, che sia posseduta in profondità da pochi mani esperte e altrettanti marchi di tradizione sartoriale.

Ma in che modo uno può acquistare un abito da uomo?

 

Su misura-H3

Un vestito su misura è un capo realizzato da zero, creando la base sulle misure del cliente e secondo le preferenze del cliente (stile, tessuto, colore, design, fodere, bottoni) dall'inizio agli ultimi dettagli. La sua creazione richiede molte ore e appuntamenti con il sarto in fasi di realizzazione prima che il capo viene pronto a vestirsi. Il costo di un abito su misura dai un sarto bravo è alto e non sempre una scelta di buon esito, specie se si tratta di un primo approccio. Ovviamente gli uomini che optano per questo tipo di abito lo fanno anche per godere il procedimento e il senso di esclusività ad esso associato.

 

Su misura industriale / Custom

È il caso di un abito basato su basi esistenti solo per essere personalizzato. Il sarto prende le misure del corpo del cliente e le sue preferenze di stile (risvolti, fodere, tessuto ecc.). In base alle misure seleziona poi la sua base che si adatta meglio, personalizzandosi di conseguenza anche facendo modifiche complesse al fine di ottenere la vestibilità desiderata. Il costo di questa procedura in questo caso è ancora elevato ma relativamente inferiore rispetto alla sua controparte di su misura artigianale. Il rischio di realizzare un abito su misura è ancora alto, principalmente perché la base di riferimento dovrebbe essere impeccabile e fornire una sensazione di benessere mentre si indossa.

 

Fatto su ordine / Made to order

L'abito su ordine è la pratica standard del settore di un abito personalizzato. In questo caso la sartoria dedica uno spazio ai suoi modelli base in un assortimento di misure. Il cliente seleziona la base che ritiene più adatta e ovviamente il tessuto con gli accessori di preferenza. Il commesso tiene quindi conto di eventuali modifiche - ma piuttosto limitate - da apportare al fine di ottenere un abito che sembra più una scelta personale. Questa è un'opzione che di solito costa il 30% in più di un abito pronto da indossare e il rischio di vestibilità dovrebbe essere limitato, sebbene dipenda in gran parte dal marchio e i suoi standard produttivi.

 

Ready to wear o pret-a-porter-H3

Gli abiti pronti alla vendita sono di largo la scelta d’acquisto più diffusa. Un completo uomo pronto da indossare è disponibile fuori dagli scaffali per essere visto e indossato, evitando brutte sorprese. Inoltre, se di qualità sartoriale, può essere alterato e modificato in più parti per adattarlo a te. La parte dell'immaginazione è assente in questo tipo di acquisto poiché ciò che vedi è ciò che ottieni. Ci sono scelte numerosi offerte da molti marchi e rivenditori e potresti perderti quando cerchi un abito uomo. Certamente il mercato è dominato da prodotti di bassa qualità e con la diversità dei prezzi c’è il rischio altro di errore piuttosto per il consumatore inesperto. Presta attenzione al tessuto e alla qualità della confezione e scegli un vestito che ti sta bene prima di trovare finalmente quella vestibilità che sia più adatta alle tue esigenze.

 

Le scuole sartoriali

Ci sono due principali scuole di sartoria. Da una parte l'inglese più classica, rigorosa e di aspetto strutturato e dall'altra l'italiana più estrosa e creativa. La sartorialità italiana infatti si divide in quella del Nord (con principali rappresentanze a Milano) e quella del Sud (con altrettanti maestri con sede a Napoli).

Entrambe le categorie principali sono apprezzate nel mondo del loro impegno per  l'eleganza, la qualità e il dettaglio. Hanno tante caratteristiche in comune quanto tante altre differenze e hanno creato i propri "fan" che le seguono così fedelmente che è difficile tradirsi a vicenda.

 

Scuola sartoriale inglese

Rimane forte come fonte di ispirazione per molti sarti e appassionati di abiti ben adattati e strutturati. Le sue caratteristiche principali sono le spalline evidenti e relativamente strette e la vita asciutta, mentre internamente sono rinforzate con una tela spessa e il loro revers sono di larghezza e forma standard. I pantaloni sono a vita relativamente alta, leggermente comodi in gamba, senza o con le pinces. I sarti inglesi lavorano ancora con tessuti abbastanza pesanti come cashmere e tweed di lana. I rappresentanti famosi di questa scuola sono i marchi Anderson & Sheppard, Gieves & Hawkes e i brand di Saville Row in generale. 

 

Scuola sartoriale italiana

Come accennato in precedenza, la scuola italiana è divisa in due sottocategorie, quella del Nord e l’altra del Sud.

 

La scuola di Milano

È la scuola che ha reso popolare lo stile italiano. È fiorita negli anni '80 e '90. In qualche modo, condivide alcune caratteristiche comuni alla scuola inglese come la spalla strutturata della giacca e lo stile rigoroso che trasuda. Due dei principali esponenti della scuola sono le famose case Canali ed Ermenegildo Zegna che, ispirandosi a sarti come Caraceni, hanno esportato lo stile italiano in tutto il mondo con un'enfasi su quell'abito che chiamiamo power suit e che ha un appeal al mondo business. I colori che scelgono sono solitamente scuri e discreti mentre nei tessuti troveremo lane extrafine leggere e tessuti di flanella derivati ​​da Biella, zona famosa per i suoi lanifici in Piemonte.

 

La scuola di Napoli

Rappresentando il sud Italia, questa tradizione sartoriale è molto diversa dalle altre due scuole. La sua caratteristica principale è creare un abito che sia comodo e leggero nel suo utilizzo. La tradizione napoletana ha ottenuto questo risultato rimuovendo le spalline e tutto ciò che sembra inutile e appesantisce il capo come gli interni duri e pesanti, sostituendoli con un meticoloso lavoro manuale. La filosofia è studiata per avvolgere il corpo in modo naturale e per seguirne la silhouette con l'obiettivo finale di metterla in risalto. Le sue spalle sono più profonde e il giromanica è più alto in modo che la vita si evidenzia più in alto in modo affilato.

A Napoli ci sono alcuni dei migliori sarti e hanno sede alcuni dei marchi più famosi e storici del mondo come Kiton e Cesare Attolini. Questa scuola gode del riconoscimento e della preferenza di un numero sempre maggiore di uomini a cui piacciono i vestiti di forte personalità.

Troverai abiti in vari colori, disegni e tessuti come la lana, cotone e lino a flanelle pesanti o più leggere.

 

La vestibilità

La vestibilità del vestito da uomo è di fondamentale importanza e dipende in gran parte da fattori come una base impeccabile, un tessuto di qualità e l'uso di interni di qualità. Ovviamente, il fattore più importante rimane la qualità della manodopera coinvolta.

C'è una tendenza per ragioni commerciali a distinguere la vestibilità in categorie come vestibilità slim, sartoriale e regolare. Gli abiti slim fit di solito si riferiscono a giacche con una vita affilata, giacca relativamente corta e pantalone senza pinces. D'altra parte, un abito sartoriale presenta tratti della sartoria tradizionale seppur fatto industriale, con una vestibilità che avvolge piuttosto che sopprime la vita e porta il pantalone con una pince.

In termini generali, l'abito da uomo dovrebbe adattarsi perfettamente al tuo tipo di corpo.

La caratteristica principale di un abito sono le spalle della giacca e la loro costruzione. Questa parte determinerà il resto della giacca in termini di vestibilità e aspetto estetico. Come effetto diretto della spalla, le maniche si adattano in modo verosimile trasformando l'intera giacca e la qualità della sua vestibilità.

Il pantalone poi dovrebbero garantire armonia estetica alla loro giacca in modo da formare un abito da uomo in equilibrio con la misura della vita e il sedere essendo fondamentali per la vestibilità corretta. Suggeriamo di prestare sempre attenzione ai minimi dettagli per quanto riguarda la vestibilità di un abito.

Il risultato finale dovrebbe rappresentarti in modo ideale, enfatizzando naturalmente alcune parti del nostro corpo e nascondendone in qualche modo altre per far esaltare la tua immagine complessiva.

 

Il tessuto

La scelta del tessuto e della sua qualità gioca un ruolo importante nel valore finale (costo ed estetica) di un capo. La qualità degli abiti varia e in linea di massima ci sono da un lato i tessuti derivati ​​da materie prime naturali - il massimo dei tessuti di qualità - e dall'altra i tessuti prodotti in serie derivati ​​da materie prime sintetiche.

 

Un abito realizzato in tessuto sintetico è sicuramente un costo contenuto ma anche poco gradevole dal punto di vista del tatto. La sua immagine complessiva non la fa trarre in inganno, rimanendo in qualche modo povera anche agli occhi di un consumatore inesperto.

 

Scegli invece che il tuo abito sia realizzato in lana extra vergine o in mischia con altre materie prime nobili come seta, cotone e lino. Queste fibre sono amichevoli per la pelle e in grado di produrre prodotti ad alto effetto. Sono i tessuti che fanno amare il genere di prodotto e la cultura che lo accompagna.

 

Le pecore Merinos provenienti dall'Australia e dalla Nuova Zelanda producono una delle lane più rinomate e di qualità del mondo. Famose industrie tessili italiane nel mondo come Loro Piana, Vitale Barberis Canonico ed Ermenegildo Zegna sono quelle che di solito acquistano all'asta questo tipo di lana che rappresenta solo il 5% della produzione mondiale di lana per poi tessere questi preziosi materiali.

Inoltre, in base alla stagionalità c'è un'ulteriore distinzione tra i tessuti

 

Tessuti estivi

 

Tessuti leggeri e freschi

 

I tessuti di lana fresca (lana fresca) 

Il tipo di tessuto predominante per un abito estivo da uomo. La loro leggerezza al metro (meno di 245gr / m) e la loro trama relativamente aperta consente la circolazione dell'aria offrendo così la freschezza desiderata in un abito estivo.

 

I tessuti di lino

Tessuto noto e apprezzato, il lino è l'epitome dei tessuti estivi, fresco e leggero ideale per le calde e umide giornate estive compensa capi comodi, eleganti e spensierati. Se le sue pieghe  ti "infastidiscono", cerca tessuti di lino in misto con lana fresca o cotone.

 

I tessuti di cotone-H4

Piuttosto cool, è una buona alternativa ai tessuti di lana e lino in quanto abbina le caratteristiche dei due sopracitati. Ideale per esprimere abiti da giorno smart casual. Il suo unico inconveniente è che risulta più difficile mantenere la loro consistenza nel colore e vestibilità a lungo termine.

 

I tessuti seersucker

Solitamente espressi in tessuti di cotone, sono davvero cool e con un aspetto di goffratura leggera. Resistente e ultimamente proposto con proprietà elasticizzate naturali, è una scelta alternativa per i completi mattutini estivi. Di solito lo troviamo a righe in blu.

 

Tessuti invernali

Questa è la categoria dei tessuti più pesanti e caldi adatti alle condizioni invernali.

 

I tessuti di lana

Il tipo di tessuto più comune per i completi uomo invernali. Le lane pettinate superfini danno un'ottima stratificazione e con il loro peso ideale (300 gr / metro) sono piacevolmente indossate sia all'interno che all'esterno. Il loro utilizzo è adatto per abiti da cerimonia e da lavoro.

 

Tessuti in cashmere-H4

Indubbiamente uno dei tessuti più ambiti e lussuosi, è noto per la sua impareggiabile consistenza morbida, il comfort e, soprattutto, il suo dolce calore. Tuttavia, alcuni dei maggiori svantaggi di questo tessuto sono il suo alto costo e la sensibilità all'uso.

Il più delle volte si trova in composizione con altri tessuti di lana che possono aumentare la durata nel tempo con un costo di acquisto ridotto.

 

I tessuti tweed

Sono meravigliosi tessuti invernali di un'eleganza senza tempo. Il tessuto è essenzialmente costituito da lana ed è tessuto da tre filati di diversi colori mescolati insieme per produrre un motivo distintivo.

Il tweed è un tessuto spesso e caldo. I completi invernali di tweed sono un po 'più pesanti rispetto alla maggior parte dei vestiti e sono per lo più amati nei climi invernali più freddi.

 

Tessuti di flanella

Tipo di tessuti ben noto, ancora di nicchia, intrecciato con lane spesse o lane superfini. Fanno abiti dall'appeal casual e possono variare di peso e sono amati per i loro toni di colore vivaci e speciali.

Sono più appropriati per l'uso quotidiano e meno adatti per occasioni speciali che richiedono un abbigliamento formale.

 

Lo stile

Gli abiti da uomo sono disponibili in stili diversi in base ai revers o al numero di bottoni della giacca o altre caratteristiche speciali.

 

 Abiti a 2 bottoni, 3 bottoni e a doppiopetto

Una separazione di stile di base viene eseguita in base al numero di bottoni e al modo di abbottonarsi la giacca. Come si può immaginare la giacca a due bottoni ha due bottoni, di cui, quando serve, abbottonato rimane solo il primo in alto.

Lo stesso vale per la giacca a tre bottoni con la differenza che in questo caso resta abbottonati i primi due o solo il bottone centrale.

Per quanto riguarda la giacca doppiopetto abbiamo 6 esterni più 1 bottone interno, di cui usiamo solo i due centrali.

 

2 pezzi (giacca e pantaloni),3 pezzi (giacca, pantaloni e gilet)

 

L'unica ed essenziale differenza in questo caso è la presenza di un pezzo in più, il gilet del completo con giacca e pantalone che rimane il tema standard.

Complessivamente i completi più gettonati sono quelli a due pezzi, essendo meno impegnativi per la routine quotidiana mentre per un abbigliamento più formale gli uomini tendono a preferire l’abito a tre pezzi.

 

Abiti da giorno vs abiti da sera

Un'altra classificazione è tra abiti da lavoro o da giorno e abiti da uomo da sera o formali.

Come vestito da giorno, si classifica il tipo di completo meno formale che viene tipicamente indossato durante il giorno ed è spesso di carattere business.Spesso proposto in una varietà di tessuti, colori e fantasie, questi completi da uomo variano dal tinta unita blu a fantasie forti come i quadri Principe di Galles e l'abito gessato.

Gli abiti di cerimonia sono piuttosto limitati nella scelta in base al motivo, sebbene in alcune parti del Sud le giacche jacquard vengano utilizzate per occasioni formali come matrimoni e cerimonie. Gli abiti blu navy e neri dominano nelle versioni senza e con un gilet. Qualità come le lane superfini, anche in mischia con la seta, formano ottimi abiti da sposo.

Anche gli smoking o gli abiti da smoking sono inclusi in questa categoria. Un tipo di abiti che viene utilizzato esclusivamente negli eventi di cravatta nera. Caratterizzati da revers in raso, cintura in raso e bottoni rivestiti in raso, sono sicuramente abiti per eventi speciali. Un'altra caratteristica interessante è che nel caso di uno smoking, la sua giacca è un bottone o doppiopetto e può essere proposto con o senza gilet.